Canone Rai, tutte le novità attese per il 2017

1
483
Canone rai

Come è accaduto nel 2016, anche per quest’anno ci si aspetta una carrellata di novità per quel che riguarda il Canone Rai. L’anno scorso, intanto, sono state introdotte un paio di grandi novità dal governo Renzi: l’abbonamento tv è stato accorpato alla bolletta elettrica e l’importo è stato fatto scendere da 113.50€ a 100€. Ma come accennavamo, anche per il 2017 sono attese ulteriori novità!

Canone Rai 2017: l’importo scende a 90€

I cambiamenti di cui prima hanno portato a un gettito record per Mamma Rai, per cui ci sono i margini per intervenire innanzitutto con una nuova riduzione della tassa, che come stabilisce la Legge di Bilancio scenderà quindi da 100€ a 90€.

Le modalità di pagamento rimarranno comunque invariate, per cui anche quest’anno il Canone, per quanto lo si pagherà meno, lo si continuerà a pagare attraverso la bolletta dell’elettricità. E’ chiaro però che essendo meno oneroso dello scorso anno, stavolta ci sarà una mensilità in meno da pagare che equivale appunto ai 10€ di “sconto”: ciò significa che la prima rata si pagherà a gennaio 2017, la seconda a febbraio, la terza a marzo e così via fino al raggiungimento dei 90€ complessivi.

Esenzione Canone Rai 2017: elenco degli aventi diritto

L’importo cambia, ma le esenzioni rimangono assolutamente invariate, per cui anche per il 2017 saranno esonerati dal pagamento del Canone Tv i seguenti soggetti.

  • coloro che hanno compiuto i 75 anni di età entro il termine di pagamento del canone;
  • coloro che unendo il loro reddito con quello del coniuge convivente, non superano i 6.713€ di reddito annuo;
  • gli invalidi civili degenti in una casa di riposo;
  • chi non è in possesso di un apparecchio televisivo (pur essendo titolari di un’utenza domestica);
  • tutti coloro che appartengono alle cosiddette categorie particolari (agenti diplomatici, funzionari e impiegati consolari, funzionari di organizzazioni internazionali e militari non italiani o personale civile non residente in Italia di cittadinanza straniera facente parte delle Forze Nato e di stanza in Italia).

Confermate per il 2017 anche le sanzioni previste per chi non paga l’abbonamento televisivo. Nel dettaglio, chi evade la tassa sulla Tv si vedrà assoggettato a una sanzione che va da un minimo di 200 a un massimo di 600€. Le pene rimangono quindi piuttosto aspre, ed è anche per questo motivo che il governo, con la riforma varata lo scorso anno, è riuscito ad ottenere un gettito definito da più parti come “record”: evadere non conviene più come prima e, fino a prova contraria, è ora anche molto più difficile!

1 COMMENT

  1. La RAI dovrebbe vedersi tramite segnale criptato con decoder.Chi vuole paga e vede, chi non vuol vedere bon paga nulla. Con la scusa del servizio pubblico è solo una mangiatoia di pubblico denaro per partiti di governo ed amici.Altro che la Raggi! Manda in onda programmi scadenti ed è occupata dalla politica

LEAVE A REPLY