Quotazione Bitcoin sotto quota 10 mila, gli scenari possibili

0
Analisi tecnica Bitcoin 8 marzo 2018

Nella serata di ieri la quotazione Bitcoin ha rotto al ribasso al ribasso l’ennesimo livello di ritracciamento di Fibonacci, tracciato partendo dall’inizio dell’ultimo trend al rialzo partito il 26 febbraio e terminato il 5 marzo. A partire da quest’ultima data, è iniziato un ribasso costante e sostanzioso (vedi figura in alto) che ha via via sfondato i livelli a 11.149, 10.809, 10.534, 10.260, 9.868, rafforzato dalle voci riguardanti un attacco hacker alla piattaforma Binance.

Tiene ancora l’ultima linea, posta a 9.370, che di fatto diventa il nuovo supporto, considerando anche che i nuovi tentativi di rimbalzo del bitcoin sono stati caratterizzati da volumi più ampi e anche da movimenti più prolungati.

Tuttavia, c’è da notare che i tutti gli sfondamenti delle varie linee al ribasso hanno prodotto dei piccoli rimbalzi, come spesso accade visualizzando i grafici a cui vengono applicati i ritracciamenti di Fibonacci. Vediamo come infatti le varie linee poste ai livelli summenzionati, siano diventati progressivamente delle resistenze che il prezzo ha fallito a recuperare totalmente. Lo vediamo meglio nel seguente grafico.

Analisi tecnica Bitcoin 8 marzo 2018 ritracciamento fibonacci

Le linee rosse evidenziano il fallito recupero proprio all’altezza delle linee di ritracciamento. Lo stesso vale per la linea viola chiaro, il primo tentativo di rimbalzo dopo un forte ribasso che ha portato la quotazione da quota 10.700 a quota 9.700 in pochissimo tempo, circa 1 ora, nella giornata di ieri.

La linea viola, rappresenta l’attuale tentativo di rimbalzo del bitcoin. A questo punto, andiamo ad esaminare i volumi.

Analisi tecnica Bitcoin 8 marzo 2018 volumi

Si tenga conto, che si tratta di uno zoom dello stesso grafico precedente. Come si può notare, i tentativi di rimbalzo sono caratterizzati da volumi piuttosto timidi, che vanno persino progressivamente diminuendo. Questo potrebbe essere un sintomo di debolezza, che potrebbe portare a nuovi ribassi in giornata, a meno che non arrivino dall’esterno notizie di rilievo che riguardino il progetto su cui si basa il bitcoin (es. buone notizie che riguardino regolamentazioni o simili). Seguendo solo l’analisi tecnica, in tali termini la view si presenta maggiormente favorevole a chi opera al ribasso.

Un altro elemento che potrebbe portare ad un rimbalzo più forte, oltre alle buone notizie provenienti dall’esterno e che fanno parte dell’analisi cosiddetta fondamentale, sarebbe l’arrivo verso quote “tonde”, come ad esempio 9.500 o 9.000. Altro motivo in più per convalidare il nuovo supporto a 9.370. Nel caso la quotazione BTC arrivasse vicina a queste quote, si potrebbe registrare un rimbalzo con volumi più ampi.

Sul cambio BTC/USD si può negoziare al rialzo o al ribasso con la piattaforma di trading CFD Plus500. Le posizioni ribassiste (“Vendi”) non necessitano di acquisti precedenti.

Questo articolo non rappresenta un invito all’investimento. Trattasi di valutazioni di tipo tecnico da consultare a propria discrezione.