Bitcoin, mattinata tra news buone e cattive

0
Bitcoin tra alti e bassi il 12 gennaio 2018
Le opzioni binarie e digitali sono vietate in Europa. I contenuti relativi ad opzioni restano in archivio a solo scopo informativo. Se non sei un cliente professionista, ti invitiamo a valutare il Trading Forex, CFD o Criptovalute

La mattinata del Bitcoin di oggi, venerdì 12 gennaio 2018, è stata caratterizzata da due momenti decisivi, che andiamo qui a riportare.

Il primo ha offerto una boccata d’ossigeno per il Bitcoin, che stamattina ha ripreso quota arrivando a superare nuovamente quota 14.000$ per via delle nuove dichiarazioni da parte delle autorità della Sud Corea, che di fatto hanno ammorbidito la propria posizione circa il divieto di negoziare criptovalute nel proprio territorio, dicendo che questa è sempre stata solo una delle opzioni possibili, non l’unica.  Viene quindi precisato che sul tavolo delle contromisure contro l’esplosione incontrollata del fenomeno e i suoi eventuali rischi, vi sono diverse possibili soluzioni, sebbene non siano state palesate o comunque non abbiano avuto un risalto mediatico quanto quello del possibile divieto.

Poco dopo esser passato in 20 minuti da quota 13.495$ a 14.000$, tuttavia, il Bitcoin ha subito un ennesimo colpo. Questa volta, sul fronte occidentale. La SEC, ente regolatore, infatti, ha respinto ben 12 domande di ETF da parte di grandi aziende, probabilmente per preoccupazioni normative legate ad un mercato non ancora ben regolamentato.

Il prezzo del Bitcoin ha quindi subito un ribasso che lo ha portato ha tornare fino a quota 13.800$.

Questa la sintesi della mattinata fino alle ore 13:16, orario in cui viene redatto questo articolo. In questo momento, la quotazione del BTC segna 13.870$ (quotazioni Binance).