Indice VIX Volatilità favorisce rialzo del Bitcoin

0
Cresce l'indice di volatilità VIX
Le opzioni binarie e digitali sono vietate in Europa. I contenuti relativi ad opzioni restano in archivio a solo scopo informativo. Se non sei un cliente professionista, ti invitiamo a valutare il Trading Forex, CFD o Criptovalute

Un insolito bene rifugio, il Bitcoin, che come l’oro aumenta il proprio valore nei momenti di maggiore instabilità del sistema finanziario tradizionale. E’ la rivincita del Bitcoin dopo giorni di attacchi da diversi governi, con minacce di divieti e forti regolamentazioni, oltre che con l’esecuzione di entrambi come in Corea del Sud e Cina.

Il Bitcoin nacque proprio a seguito della grande crisi del 2008 ed oggi, nonostante non si sia a quei livelli, il bitcoin “si fa sotto” nuovamente, tornando sopra quota 8.000$ come evidenziato nella nostra analisi tecnica di oggi 7 febbraio. L’indice di volatilità VIX è balzato a livelli preoccupanti, superando quota 50 punti nella giornata di ieri (mentre negli ultimi mesi si avvicinava sempre più verso quota 20), sintomo che si temono dei tempi difficili sui mercati finanziari. La quotazione del bitcoin risale, sintomo che lo stesso permane ancora uno strumento alternativo all’investimento tradizionale e viene considerato un modo per mettere “al sicuro” parte delle proprie liquidità. Un po’ come l’oro. Ma un oro digitale, criptato, nascosto, fortemente discusso.

Aumentano anche le operazioni di short trading ETN sul VIX.

[plus_chart chart=”VXX”]

Un altro segno dei tempi che cambiano, ma al tempo stesso un segno che i tempi ciclici dell’economia seguono il loro corso.

Ma come mai l’indice VIX sale? Questo indice, detto anche “indice della paura”, registra variazioni nel momento in cui vi è maggiore sfiducia sui mercati azionari. In particolare, questo indice misura la volatilità implicita dell’indice S&P 500 (Standard & Poor’s 500) che prende in considerazione la volatilità prezzata dalle sue opzioni. Quindi, di fatto, rappresenta le aspettative del mercato sulla volatilità nel corso dei 30 giorni successivi.

Se il VIX oggi sale, vuol dire che il mercato si aspetta un aumento della volatilità da qui a un mese. Per volatilità non si intendono ribassi, anche se generalmente tale indice inizia a crescere proprio per la prospettiva al ribasso. Tutto è partito con i dati dell’inflazione USA, che cresce in modo tale da poter portare ad una depressione dell’economia ancora in crescita ma non abbastanza matura per un aumento dell’inflazione rapido.

Alle ore 13:30 del 7 febbraio 2018, la quotazione del BTC segna 8.169$, in rialzo del 23,75% rispetto alla quotazione di 24 ore fa (quotazioni CoinMarketCap).

[plus_chart chart=”BTCUSD”]