Quotazione Ripple a 2 dollari,+1000% in un mese

0
In un mese Ripple ha ottenuto un rialzo del 1000% circa

La quotazione di Ripple pare aver trovato una propria stabilità attorno a quota 2$, dopo giorni movimentati in cui si è assistito a forti ribassi e rialzi. I ribassi sono stati causati principalmente dalla mancata inclusione, forse temporanea, nella piattaforma CoinBase. I rialzi invece sono stati dovuti al test del sistema Ripple da parte di MoneyGram, il colosso dei trasferimenti di denaro. Proprio quest’ultimo ha riportato a splendere la quotazione degli XRP di Ripple, che si sono stabilizzati per il momento attorno ai 2$, dopo aver toccato un massimo di 2,20$ (ieri alle 17) e un minimo di 1,80$ (a mezzanotte circa).

In questo momento, alle ore 17:55 del giorno 12 gennaio 2018, XRP segna 2,00$ (quotazioni Bittrex).

Da un punto di vista di analisi tecnica, Ripple sembra aver ripreso il suo buon trend sul breve periodo, considerato che fino al giorno 28 dicembre procedeva gradualmente al rialzo a quota 1,20$ (28 dicembre) per poi balzare a 2,38 tra il 28 e il 29 dicembre.

Considerando quindi la quotazione a cui si trovava solo 1 mese fa (0,20$), il risultato mensile è comunque eccellente, con un rialzo che si avvicina al +1000% in un solo mese.

Ciò detto, pur considerando la mancata “rampa di lancio” (per quanto, poi?) di CoinBase, il progetto Ripple sta comunque ottenendo dei risultati più che soddisfacenti ed offrendo profitti eccellenti a chi soltanto un mese fa ci aveva creduto.

Considerata l’autorevolezza del progetto, non è escluso che Ripple e gli XRP possano riservare altre sorprese, così come successo ieri. Anzi, ci si stupirebbe del contrario. Si tenga tuttavia presente che la quantità di Ripple sul mercato è talmente elevata che si esclude che possa ripetersi il fenomeno “Bitcoin”. Infatti, mentre vi sono 16 milioni di Bitcoin circolanti, vi sono 99 miliardi di XRP ovvero di ripple circolanti. Non si tratta quindi di “oro online”, ma di una valuta digitale con un progetto ad ampio raggio.

SHARE
Previous articleBitcoin, mattinata tra news buone e cattive
Next articleStop al Mining Bitcoin in Cina: quali paesi ne gioveranno?
Paolo Ferrari è laureato in Lettere ma negli anni la sua passione per il settore economico e finanziario lo ha portato a seguire ulteriori percorsi di formazione, accademica e sul campo, fino a divenire un riconosciuto esperto di strumenti finanziari, settore in cui opera e scrive dal 2009.