Ripple, parte da Hong Kong il rialzo del 30%

0
La LianLian International prova il sistema XCurrent di Ripple

Un rialzo del 30% in sole 24 ore per Ripple, sospinto sia dall’analisi fondamentale che tecnica. Ai segnali offerti dai grafici si sono aggiunte anche notizie positive per la valuta digitale, che le hanno dato una marcia in più rispetto ad Ethereum e Bitcoin.

Tra le notizie più importanti giunte in questi giorni, vi è stata quella proveniente da Hong Kong, dove il provider LianLian International ha deciso di provare il RippleNet, il network di pagamento che usa la tecnologia Blockchain di Ripple, al fine di facilitare le transazioni trans-frontaliere.

Questa notizia ha una doppia valenza, poiché proviene proprio dalla Cina, sebbene dalla Regione ad amministrazione autonoma di Hong Kong, la stessa Cina che dall’altro lato ha mosso guerra alle criptovalute. Tuttavia, così come è stato sottolineato ancora una volta dal CEO di Ripple, non si dovrebbe chiamare “criptovaluta” Ripple, non bisogna confonderla con Bitcoin, poiché non è stata creata per degli obbiettivi retail.

A tutto ciò si aggiunge il discorso ormai solido circa la differenza tra la valuta digitale e la tecnologia di reti e progetti a cui fanno riferimento. A proposito di Ripple, tale concetto è confermato, poiché mentre i primi giorni di febbraio la valuta digitale seguiva l’andamento al ribasso del Bitcoin, il progetto otteneva altri consenti, venendo testata definitivamente da Santander, sempre per le transazioni transfrontaliere.

XCurrent e XRapid, la grande differenza

A proposito della valutazione avviata dalla LianLian International, va precisato che la stessa sta testando la tecnologia XCurrent di Ripple. Infatti, i due principali filoni in questo tipo di offerta vedono da una parte XCurrent e dall’altra XRapid. La differenza tra le due sta nell’utilizzo o meno di XRP.

In questo caso, la LianLian International sta provando XCurrent, che non utilizza XRP, al contrario invece di quanto avviene nella soluzione XRapid.

Così come già successo qualche giorno fa per Santander, anche l’annuncio della società cinese è particolarmente entusiasta. Questo infatti fa leva sull’opportunità di offrire pagamenti istantanei tramite blockchain, in 19 valute.

Secondo Ripple, la partnership con la LianLian consentirà ai membri di RippleNet di connettersi con il mercato cinese.

La LianLian è diventata il cliente numero 100 ad utilizzare la soluzione XCurrent.

Alle 15:38 del giorno 10 febbraio 2018, gli XRP di Ripple segnano quota 1,16 sul dollaro americano.