Santander lancia il pagamento con tecnologia Ripple

0
Santander lancia tecnologia Ripple per i pagamenti

La notizia era attesa da giorni ma ora è divenuta ufficiale: Banco Santander ha fissato la data di lancio per l’introduzione dei pagamenti internazionali mobili per i clienti personali utilizzando la tecnologia di contabilità condivisa di Ripple. La data di lancio è stata fissata per il primo trimestre del 2018.

I test di Ripple da parte del Banco Santander proseguono ormai da tempo, oltre 18 mesi con il personale della banca, e l’app è stata testata con Apple Pay per pagamenti compresi tra 10 e 10.000 sterline, utilizzando il Touch ID per l’accesso sicuro.

La società si rivela molto soddisfatta dei test, che hanno consentito e consentiranno pagamenti mobili internazionali in 3 clic e 40 secondi, utilizzando la tecnologia del ledger distribuito.

L’iniziativa di Banco Santander sarà lanciata in quattro diversi paesi (Brasile, Regno Unito, Polonia e Spagna), contemporaneamente. La stessa operazione consentirà maggiore trasparenza sulle commissioni e sul cambio. Già a novembre, la divisione britannica della banca annunciò la propria volontà di lavorare con American Express (altra società che ha testato RIpple) per i pagamenti transfrontalieri business-to-business.

Nel progetto xCurrent, tuttavia, non saranno utilizzati XRP, ovvero la criptovaluta nativa di Ripple. L’ennesima dimostrazione che le tecnologie dei progetti godono di molto più successo rispetto alle criptovalute e al loro andamento sul mercato. Infatti, mentre per il progetto e la tecnologia Ripple arrivano queste ottime novità, la valuta digitale XRP segue a ruota le vicissitudini del bitcoin e della regolamentazione riguardanti le exchange nei diversi paesi in cui operano.

Gli XRP sono disponibili su piattaforme exchange e di trading tra cui la piattaforma di trading CFD Plus500.